Vitamina D3 Bernardis 2000 UI

Vitamina D3 2000 Ui

La vitamina D3 è una vitamina liposolubile, per cui se assunta, in dosi eccessive, può produrre effetti indesiderati di accumulo, soprattutto, a livello epatico.

Noi consigliamo un’assunzione giornaliera di 2.000 UI, evitando effetti indesiderati e apportando il massimo dosaggio ammesso per un integratore a base di Vitamina D3, ossia 50microgrammi/die.

Ricordiamo che, 1 UI è l’equivalente biologico di 0,025 g di colecalciferolo (D3) /ergocalciferolo (D2).

Noi forniamo il massimo dosaggio concesso, dalle normative, di Vitamina D3 è di 50 microgrammi/die.

Funzioni della Vitamina D3

La Vitamina D3 interviene in numerosi importanti processi del corpo, tra i quali il più conosciuto è il metabolismo del calcio e del fosfato.

La vitamina D3 è fondamentale per il raggiungimento e il mantenimento di un’adeguata volume e densità ossea e per prevenire il rachitismo nei bambini e dell’osteoporosi negli adulti-anziani, prevenendo il rischio di fratture e dolori ossei.

Per questo, è chiamata vitamina anti-rachitismo.

Deficit di vitamina D3

Oggi, sappiamo che un deficit di vitamina D3 espone ad un maggior rischio di malattie cardiovascolari e metaboliche, come il diabete.

Anche per i tumori svolge un ruolo protettivo, soprattutto, per il cancro al colon, al seno nelle donne e alla prostata negli uomini.

Si è dimostrata utile nei disturbi dell’umore, soprattutto, nella depressione e nel declino cognitivo, in età avanzata.

Molto importante è il suo ruolo per un corretto apporto di vitamine e minerali, necessario per sostenere la risposta immunitaria.

Risposta Immunitaria

La vitamina D3 modula l’attività del sistema immunitario

Essa modula l’attività del sistema immunitario:

– promuovendola, per contrastare le infezioni

– attenuandola, se è eccessiva e determina malattie infiammatorie croniche o autoimmuni.

La vitamina D3 svolge questa attività immunoregolatoria mediante recettori, che legano il suo metabolita , il calcitriolo o 1,25-diidrossicolecalciferolo 1,25-(OH)2D3, su numerose cellule del sistema immunitario, come monociti, macrofagi e cellule del timo.

La vitamina D3 induce la formazione di composti antimicrobici

La D3 stimola la produzione di potenti composti antimicrobici, non solo da parte di alcune cellule del sistema immunitario, ma, anche, dalle cellule dell’epitelio di rivestimento delle vie respiratorie, assumendo un ruolo di prevenzione delle infezioni di ORL e polmonari.

Per questo, i bambini con carenza di vitamina D3 sono più predisposti alle infezioni respiratorie.

Infatti, l’esposizione ai raggi UV B e l’assunzione di olio di fegato di merluzzo, ottime fonti di vitamina D3, riducono l’incidenza di raffreddore e influenza e favoriscono la guarigione dalla tubercolosi batterica.

Produzione o assunzione di vitamina D3

La principale fonte naturale di vitamina D3 è la biosintesi cutanea per esposizione alla luce solare (raggi UV B), non sempre possibile.

L’alimentazione rappresenta, in misura minore, una fonte di vitamina D3, ma pochi sono gli alimenti che la contengono in quantità apprezzabile.

Si tratta essenzialmente di cibi di origine animale, tendenzialmente ricchi di grassi, come i pesci grassi e l’olio di fegato di merluzzo, il fegato di manzo o maiale, le uova e il formaggio.

Il latte contiene poca vitamina D3, a meno che non venga arricchito.

La perde se viene trattato ad alta temperatura (UHT) per prolungarne la conservazione oppure bollito prima di essere bevuto.

La vitamina D3 è termolabile e viene distrutta dal calore.

Livelli ormonali di vitamina D3

I livelli ottimali di vitamina D3 aiutano a rispondere meglio all’attacco dei virus, che colpiscono le vie respiratorie.

Infatti, la vitamina D3 modula il sistema immune e riduce il rischio di infezioni respiratorie, di origine virale

Studi dimostrano che aumenta il rischio di contrarre il raffreddore è più alto del 40%, in chi è carente di vitamina D3, soprattutto, rispetto a chi ne assimila a sufficienza.

Molte cellule dell’organismo responsabili della difesa dalle infezioni possiedono un recettore specifico per la vitamina D3.

Integrazione di Vitamina D3

Integratori a base di vitamina D3 migliorano ossa e pressione arteriosa, ed anche la capacità di rendimento e funzioni muscolari.

E’ importante correggere gli stati di carenza vitaminica, soprattutto in inverno.

A queste si aggiungono le categorie di persone che escono di casa raramente, le donne in gravidanza e chi soffre di malattie renali ed epatiche croniche.

La vitamina D3 è un importante alleato del sistema immunitario.

La vitamina D3 ha un ruolo immunomodulatore.

La carenza di vitamina D3 espone ad infezioni respiratorie ed enteriche.

La vitamina D3 incrementa i peptidi antimicrobici (catelicidina e beta-defensine) dotati di attività antivirale e immunomodulatoria.

Dosaggio di vitamina D3

I valori accettabili di vitamina D3 nella popolazione devono essere superiori a 20 ng/ml, e almeno 30 ng/ml negli anziani.

La Vitamina D3 può essere sintetizzata dalla cute grazie all’esposizione ai raggi solari, per almeno mezz’ora al giorno, e per circa il 20% attraverso l’alimentazione.

La dose raccomandata di integrazione è di almeno 1500 o 2000 UI al giorno, in forma di Vitamina D3, la più assimilabile e funzionale per l’organismo umano.

Per i giovani adulti e i bambini dai 2 anni di età, si ritiene sufficiente una dose giornaliera di 600 unità internazionali (UI) di vitamina D3.

Spesso sono interessate da tale carenza anche le persone con obesità grave, in quanto immagazzinano la vitamina D3 per lo più nel tessuto adiposo.

Vitamina D3 2000 Ui

Ti potrebbe interessare anche...


Warning: A non-numeric value encountered in /home/customer/www/bernardisintegratori.it/public_html/wp-content/plugins/woocommerce-rich-snippets/functions/WRSP-functions.php on line 145

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.